Cosa visitare

Airola si trova al centro della Valle Caudina, a 2 km dal sito storico che ospitò la leggendaria battaglia delle Forche Caudine, nel cuore del Sannio beneventano.

Il paese è dominato dal suggestivo monte Tairano, dai resti del medioevale castello adagiato sulla collina di Monteoliveto (risalente all’XI secolo) a cui fa da sfondo il massiccio del Taburno.

Il castello di Airola, costruito probabilmente in epoca longobarda, appartenne a Rainulfo I. Nel 1277 nel castello fu ospitato per tre giorni Carlo I d’Angiò. In seguito appartenne alla famiglia Carafa, ai Davalos, ai Ferrante Caracciolo e a Bartolomeo Di Capua. Uno degli elementi architettonici più significativi del castello è l’ingresso posto nel lato nord-est che conserva quasi intatte le caratteristiche architettoniche originarie.

E’ possibile effettuare visite guidate gratuite, a cura dell’Associazione “Gli Amici del Venerdì” prenotando al

Tel. 3454539689 , Piero Milanaccio .

Airola è ricca di edifici di notevole interesse storico e architettonico, che testimoniano un passato illustre, e di numerose chiese fra cui la più importante, quella della S.S. Annunziata, disegnata nel 1754 da Luigi Vanvitelli.

Nei secoli tra il Cinque e Settecento venne arricchita di affreschi, dipinti, stucchi, sculture in marmo e in legno, quasi un’antologia di manierismo e barocco meridionale dove ricorrono i nomi di Pietro Negroni, Teodoro D’Errico, Belisario Corenzio, Francesco Curia, Paolo Finoglia, Francesco De Mura. Nella cantoria sopra la porta principale, dentro ad una cassa armonica, è collocato un organo, perfettamente funzionante, costruito nel 1679 da Andrea Bassi.

Tra gli altri beni artistici e architettonici meritano una visita il Santuario di SS. Maria Addolorata, edificato nel 1363 e restaurato nel 1672 (con una pala d’altare di Andrea Solario); Palazzo Montevergine (parte di un originario monastero, sorto nel 1600, attuale sede della Casa Comunale); la Chiesa di San Domenico(XVIII sec., riaperta nel 2000); il Monastero e la Chiesa di San Gabriele (su un originario impianto del 960); il Monastero “Regina Coeli” (1620), con annessa Chiesa; la Chiesa e il Convento dei Frati Minori di San Pasquale (la cui prima pietra fu posta, per volontà della Principessa Antonia Caracciolo nel 1723); le Chiese di San Michele (1513), di San Donato (1605), dell’Immacolata Concezione(metà 1500).

Con Decreto del Presidente della Repubblica in data 31 Luglio 1997 Airola è stata autorizzata a fregiarsi di proprio Stemma Civico e le è stato confermato il titolo di Città già assegnatole da Carlo III di Borbone il 2 Agosto 1754.

How to reach us

By car

From North of Italy, A1 Highway Roma-Naples, exit Caserta Sud, then take the SS7 toward Benevento unitl the exit to Airola.

From South of Italy, A3 Highway from Avellino, toward Ospedaletto, Summonte, S. Angelo a Scala, Pietrastornina, San Martino Valle Caudina, Montesarchio, then Airola.

From A16 Highway, exit Benevento, go toward Benevento Sud and then toward Caserta, until the exit of Airola.

By train

The closet train station is in Arpaia, 3 km away from the center city of Airola on the Napoli-Benevento trail. To check train and hours visit the website of Metrocampanianordest.

By bus

Eav Bus is the bus company that connect Benevento-Napoli, and also S. Agata de’ Goti – Napoli.

By plane

Airola is one hour away from the International Airoport of Napoli-Capodichino

Where to eat

Green Hill

Via Monteoliveto ,19

82011 Airola (BN)

Tel.  +39 0823714043  – Mob. +39 338 98  73 389

 


Where to sleep

Azienda Agrituristica Carlo Cioffi 

Via L. Vaccariello ,235 – Rotondi (AV)

Tel. +39 0824 84 32 30

Camera singola – € 30  / Camera doppia – € 50 / Camera tripla – € 60 / Camera quadrupla – € 70

http://www.agriturismocarlocioffi.it/

en_GB
it_IT en_GB